Durante le domeniche di prova di marzo e aprile, gli aspiranti direttori si sono alternati nella direzione della nostra banda. I brani in repertorio aumentano e spaziano dal genere classico di Sostakovich e Verdi, alla briosa originalità di Carnevali, alla Manhattan Symphony di Lancen quale omaggio alla città cosmopolita di New York, fino ad arrivare ai ritmi unici delle Armenian Dance di Reed. Un programma che si configura certamente ambizioso dal punto di vista musicale ma anche motivante per la nostra Filarmonica, che sta vivendo con entusiasmo e impegno questo progetto.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *